Il filo sottile di Arianna - di Lorenzo Sartori


"Andrea si ritrovò la canna di una nove millimetri sulla fronte. I polmoni smisero di pompare aria e il cervello di pensare. Tre immagini gli passarono davanti agli occhi. La prima fu quella di sua figlia Camilla. Lo stava aspettando davanti a scuola."

Vincitore del Premio Nebbia Gialla per romanzi inediti, Lorenzo Sartori torna in libreria con un nuovo romanzo pubblicato da Laurana Editore ambientato tra Milano, Crema e il Lago di Garda.

Questa volta, protagonista della vicenda é Andrea Basilio, ex ispettore di polizia e direttore della A&B Investigazioni. Tre anni piatti, senza grandi emozioni ad inseguire coniugi infedeli, debitori in fuga, uomini pieni di dubbi.

Quando un venerdì pomeriggio, una donna avvenente e amante di uno degli uomini più conosciuti di Milano, Arianna Fanelli, tutto decide di cambiare in pochissimo tempo dando una scossa senza eguali alla vita professionale dell'ex ispettore.

Il ricco imprenditore milanese sembra sparito misteriosamente la sera prima durante una cena romantica che induce l'amante a mettersi sulle sue tracce.

Attratto dal fascino dell'avvenente cliente più dal caso di sparizione, Andrea Basilio si ritrova a indagare, con la figlia preadolescente Camilla tra i piedi, fra giri di escort, gallerie d'arte, conti cifrati e un vecchio cold casa riconducibile all'imprenditore scomparso.


Dopo il successo di Alieni a Crema e de La Sindrome di Proust, Lorenzo Sartori torna in libreria con un nuovo thriller ai confini del giallo e del noir e torna a parlare della sua città, Crema, anche in questa sua ultima opera.

Il filo sottile di Arianna dedica infatti alcune pagine del suo mistero alla splendida basilica di Santa Maria della Croce e fa rivivere l’antico fatto di cronaca di Caterina degli Uberti nelle parole di un sacerdote impegnato nella tutela di chi anche oggi è stata vittima di violenze. Meraviglioso infatti questo passaggio storico specialmente per chi non ne era a conoscenza.

Un nuova avvenuta aspetta voi lettori, un giro d'azione che non dimenticherete....


Per chi volesse recuperare la recensione de "La sindrome di Proust" può farlo cliccando qui:



Lorenzo Sartori vive tra Crema e Milano. Giornalista pubblicista, scrittore, autore di giochi di simulazione, si occupa di organizzazione di eventi ed è direttore artistico del festival letterario Inchiostro e della rassegna DeGenere. La sua opera spazia dalla fantascienza al thriller. "Il filo sottile di Arianna", vincitore del premio NebbiaGialla 2020, è il primo romanzo pubblicato con Laurana Editore.

Ha pubblicato diversi libri tra cui per Plesio Editore nel 2018 "Alieni a Crema".





This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now