Cipolle rotte - di Lia Bonfio



"La conversazione del mattino mi è rimasta in testa tutto il pomeriggio, complice il fatto che ho fatto finta di leggere un libro. Sono rimasta ore sulla stessa pagina con la mente tra i cirri e i cumulonembi. Mi ricordo solo questi due tipi di nuvole, le altre hanno nomi meno onomatopeici. Non so davvero che cosa sto sperando, né perché ho così tanta paura di sperare qualcosa. Mi accorgo di provare un forte senso di stabilità solo nell'incertezza".

Didone Piccardi, italo - irlandese, ha quasi trent'anni e lavora come autrice in una rete televisiva seguita principalmente da un pubblico di anziani di Padova. Ha lavorato all'estero e cerca di vivere in modo etico ed ecologico. E' sempre corretta e rispettosa verso il prossimo dimenticando troppo spesso che gli altri non sono come lei. Il suo lavoro precario le piace anche se teme sempre di dire la propria.

Insomma Didone rispecchia i canoni della ragazza millenial di oggi: pronta a partire, disposta ad accettare tutto in vista di una conferma contrattuale, speranzosa e pronta a offrire una possibilità.

Dimentica però un aspetto molto importante: sé stessa. Cosa vuole davvero?

Sarà l'arrivo dello strampalato zio Jerry a ribaltare la sua vita e la sua personalità, facendole capire che spesso, quello che vogliamo davvero, dobbiamo pretenderlo e cercarlo senza freni per essere felici.



"Cipolle Rotte" di Lia Bonfio é un libro simpatico scritto molto bene. E' un libro da regalare perché il messaggio é chiaro: non si possono inseguire false chimere perché la vita é una sola.

Se volete un libro divertente con una morale importante, questo è un consiglio da non perdere. "Cipolle rotte" prende il nome da uno Show su You Tube che cambia la vita della protagonista, esortandoci a osare e amare fino in fondo. Ci insegna che bisogna cadere per poterci rialzare e riuscire a guardare al futuro senza troppo timore, tanto quel che sarà sarà, non possiamo fare nulla se non agire.

La lettura é scorrevole tanto che ho letto il libro nel giro di poche ore. Lia si dimostra bravissima nel raccontare una storia che vi farà ridere e riflettere come é giusto che sia nell'arte.

Lia Bonfio, (Padova, 1990) è laureata in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova e diplomata all'Accademia Teatrale Carlo Goldoni del Teatro Stabile del Veneto. Nel 2016 si trasferisce a Doha, capitale del Qatar, dove tuttora vive e scrive.

Con "Cipolle rotte" racconta una generazione ma anche un sentimento comune: quello di realizzarsi senza perdersi.

Perché è difficile diventare adulti, ma é ancora più difficile a esserlo e a farsi accettare come tale.