Endecascivoli - di Patrizio Zurru- 65 racconti che scivolano in picchiata


"Le farfalle che si posano sulla spalla pare siano anime in volo,portano le parole dei defunti, c'è chi capisce il linguaggio minuto di quelle voci, chi non si spaventa e segue il percorso dalla spalla ai fiori o ai rami di fronte, chiede conferma del messaggio in un modo semplice, chiede di piegare le ali per mostrare i colori di sotto, quelli che sono più nitidi, con i segni più definiti".

Cosa sono gli Endecascivoli?


Gli Endecascivoli di Patrizio Zurru (Miraggi Edizioni) sono frammenti di prosa poetica, ricchi di vita, ricordi e nostalgia.

I 65 racconti rappresentano una vera e propria raccolta di ricordi e storie che tornano alla luce come messaggi in una bottiglia del tempo.

Il ritmo è incalzante e incisivo. La prosa è poetica e malinconica. Vere e proprie matrioske che contengono immagini, parole, significati.


Versi che scivolano in picchiata, parole che cadono e che esplodono. Gli endecascivoli sono sercizi sul ricordo, pagine rapide che raccontano di un’infanzia vissuta negli anni Settanta, tra battaglie tra bambini, di un confine labile tra il gioco e il lavoro adulto, di madri al centralino a manovrare fili e spinotti che accendevano, intrecciavano e interrompevano amori, dell’obbligo -felice- di girare con il padre a controllare che le cabine dell’Enel del circondario funzionino ancora dopo ogni temporale,


I suoi racconti potrebbero essere romanzi in potenza o rimanere conchiusi cosi, sospesi, e passare via leggeri con un plot twist che apre ogni finale: Patrizio Zurru dichiara di muoversi nella dimensione dello scherzo letterario, definisce il libro un divertissement (scrivo su commissione non dichiarata, ma passata da sguardi che ho visto), una dimensione di scherzo su cui però è lecito dissentire, perché nell’estrema cura della parola si percepisce un sostrato di letture importanti e di impegno.


Patrizio Zurru ha lavorato come libraio (riconoscimento miglior libraio d’Italia nel 2012, n.d.c.), editore, scrittore, ufficio stampa, curatore di collana, consulente editoriale e agente letterario, e a ventinove anni dalla sua prima pubblicazione (13 racconti, 3B+Z), torna per Miraggi Edizioni con nuovi racconti dal sapore dolce amaro. Alle spalle il mare della Sardegna e uno scenario di una vita che non vuole essere dimenticata.