Lavoro Sporco - Racconti di Jeffery Deaver, John Harvey, Doug Johnstone, Danny Gardner, Adam Howe,


"Era ubriaca come una zucchina quando l'ha fatto, ma questo non ha cancellato l'ammirazione che ho provato per la sua determinazione quando l'ho trovata. La maggior parte delle donne che cerca di tirare le cuoia con un rasoio e una bottiglia di sherry di solito sopravvive con piccoli graffi delicatamente posizionati alla base dei palmi,e tutti sanno che non é quello il modo di farlo".


CasaSirio torna con una nuova antologia di racconti nata dalla collaborazione tra Casa Sirio Editore e la Libreria Mucho Mojo e dedicata a Tecla Dozio e Sergio Altieri, due figure che sono state un vero e proprio riferimento per scrittori e lettori nella letteratura di genere. Gli autori presenti in questi racconti pazzi e disperati, molto noir come sempre, sono Anthony Neil Smith (Gallina vecchia), William Meikle (Frankie, Dracula e il lupo mannaro), Danny Gardner (Juniper), John Harvey (Asylum), Doug Johnstone (Moby Dickheads), Jedidiah Ayres (Non si butta via niente), Jeffery Deaver (La donna del mistero), Adam Howe (“Kid” Cooper e l’uomo-scimmia di Blackwood). Racconti che spalancano violentemente le porte dell'inferno, per far tornare nelle nostre vite papponi, criminali e personaggi poco di buono. I riottosi tornano a farci visita pretendendo la nostra curiosità e la nostra attenzione. Non esistono lieti fine, sentimenti puri e riccioli d'oro. Esistono solo pistole, detenuti, carceri e tanta, ma tanta sete di vendetta. Lavoro sporco é un marchio indelebile che ti porti dietro. E' qualcosa che la società perbenista non conosce. I criminali tornano a farci visita raccontando delle loro scorribande e dei loro malefatti. Vivono nello strato peggiore della società, un pò come i vampiri in Blade che vivono nella loro comunità, lontano da tutti e dal mondo borghese.


"Sono andato avanti come meglio potevo, mi sono fatto degli hobby. Ho scoperto che adoravo camminare nei boschi e dare pezzi della mia scorta personale al branco di cani che girava lì. Per quanto ne so, Barb é stata la prima carne umana che hanno assaggiato. Avevo amorevolmente tagliato i seni, alcuni porzioni delle natiche e delle cosce....".


Il racconto dei becchino in "Non si butta via niente" di Hayres é spettacolare. Susie Dross vuole vedere suo marito nella bara, ma il becchino ha fatto qualcosa che non doveva. Credo sia quello che mi é piaciuto di più, anche se la scelta non é per niente facile. Un racconto interessante che vi sorprenderà, come tutti gli altri. Divorerete questo libro alla velocità della luce, e in voi crescerà la sete di vendetta. Non sarete più le stesse persone una volta terminato il libro :) Divertimento assicurato!!!!




This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now