Lunga é la notte - di Marinette Pendola


Il nuovo libro di Marinette Pendola é una storia di ricordi che tocca la memoria, riprende un tragico episodio successo nell'infanzia del protagonista.

Cosa successe in quella tragica sera nella Tunisia preguerra? Qualcosa cambia per sempre le vite di molti. Un omicidio terribile si verifica e per molti anni rimane non risolto e neppure indagato.

Poi, dopo anni, casualmente il destino esige fare i conti con un passato travagliato per porre rimedio al caos lasciato in sospeso.

Con una scrittura delicata e fine, "Lunga é la notte" é un giallo per palati raffinati, un lungo racconto che fa riflettere senza spegnere la speranza che tutti necessitiamo una risposta chiamata pace.


Marinette Pendola porta in libreria, pubblicato da Arkadia, un libro sulla sopravvivenza. Una storia forte sulla capacità dell'uomo di commettere errori e orrori, azioni terribili imperdonabili e, nello stesso tempo, cercare il bene. Si parla di perdono, di speranza e della capacità dell'uomo di riuscire ad andare avanti, nonostante il dolore.

Tutto inizia con labili certezze, con ricordi annebbiati, con una storia che potrebbe essere dimenticata ma che non trova la forza per farlo.

In un periodo in cui i femminicidi sconvolgono quotidianamente il nostro paese, "Lunga é la notte" riporta alla luce alcuni dilemmi ancora oggi contemporanei. Cosa si é disposti per sopravvivere? Quanto oggi dobbiamo ancora fare per evitare questi orribili crimini?

Rimane un fatto culturale e giuridico, un conto che il destino torna a proporre costantemente.


Nasce a Tunisi da genitori di origine siciliana. Vive a Bologna, è stata docente di lingua e letteratura francese e fa parte del gruppo di lavoro “Progetto della memoria”, istituito dall’ambasciata a Tunisi negli anni Novanta, cui sono legate numerose pubblicazioni, tra cui L’alimentazione degli italiani di Tunisia (Tunisi, Finzi, 2005), Gli Italiani di Tunisia. Storia di una comunità (Editoriale Umbra, 2007). I suoi studi hanno ispirato anche La riva lontana (Sellerio, 2000), romanzo autobiografico che ripercorre un’infanzia tunisina nel periodo coloniale. Per Arkadia Editore ha pubblicato i romanzi La traversata del deserto (2014), che rievoca il ritorno degli emigrati dalla Tunisia all’Italia, L’erba di vento (2016), storia potente di una donna che non si sottomette alle convenzioni del suo tempo, e Lunga è la notte (2020), giallo ambientato nella Tunisia degli anni ’30.