I poteri forti - di Giuseppe Zucco, racconti tra realtà e immaginazione


"Con le dita costrinse la morte a uscire da quella stanza, e lui, non capendo più cos'era il dolore, rilasciò un respiro più grande".

I cinque racconti di Giuseppe Zucco, pubblicati a febbraio 2021 da NN Editore nel libro "I poteri forti", restituiscono la vita come una misteriosa avventura ricca di ossessioni, vibrazioni emotive, passioni e visioni oniriche.

Ogni racconto rappresenta una metamorfosi che inizia da tutto quello che viene nascosto e che esplode nella mente di ciascun personaggio. La follia domina le menti dei protagonisti creando un confine invisibile tra esteriorità e intimità.

Giuditta, La pietanza, Quarant'anni, Un ramo spaccato in due, I poteri forti sono racconti potenti che sembrano vivere tra sogno e veglia, tra realtà e immaginazione.

Leggendoli il lettore si troverà smarrito anche lui, varcando quel confine poco chiaro tra quello che sta vivendo e quello che sta immaginando perdendosi in un mondo illusorio creato dalle immagini vivide che suscitano.

"Poteva cambiare lavoro, città, continente, la sua ombra l'avrebbe seguito comunque. Ogni sua azione avrebbe generato un equivoco, e ogni equivoco, sommato agli equivoci infiniti che il caso e le circostanze avrebbero poi sapientemente intrecciato in una forma coerente, avrebbe scavato un fossato tra sé e le persone intorno, allontanando soprattutto quelle a cui teneva di più".

Succede davvero? Questa é la domanda che vi chiederete ad ogni racconto. La scrittura precisa, incisiva e avvolgente vi trasporteranno, attraverso una sofisticata penna di notevole talento, in un mondo parallelo ricco di vibrazioni emotive mai scontate.

Giuseppe Zucco (1981) lavora alla Rai. Ha esordito con un racconto nell'antologia "L'età della febbre" (Minimum Fax, 2015). Ha pubblicato una raccolta di racconti, "Tutti i bambini"(Egg, 2016), e un romanzo, "Il cuore é un cane senza nome" (Minimum Fax, 2017).

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now